PROSPETTO DI QUALIFICAZIONE ASAIS-EVU Italia

 

Analista Tecnico Qualificato in Incidentologia Stradale 
ai sensi della legge 14/01/2013 n°4

 

Art 1
Premessa: finalita’, classificazione e uso degli attestati

  1. L’Associazione si prefigge l’obiettivo di accrescere il livello di conoscenza e responsabilita’ dei propri associati valutando le competenze e dunque riconoscendo loro la qualifica specialistica di Analista Tecnico Qualificato in Incidentologia Stradale.
  2. Il presente regolamento fissa i criteri e le modalita’ della valutazione delle competenze dei propri iscritti attraverso una selezione di elaborati scritti a scelta del candidato e di un colloquio di verifica orale tenuto da una speciale Commissione.
  3. Lo scopo e’ quello di generare un percorso virtuoso per accrescere le conoscenze tecnico culturali degli associati e conseguire nel tempo il piu’ avanzato livello di Qualificazione.
  4. Possono accedere al processo di Qualificazione di Analista Tecnico Qualificato in Incidentologia Stradale solo gli iscritti di ASAIS-EVU Italia che come requisiti preliminari risultino in regola con le quote associative e che non siano stati oggetto di provvedimenti di contestazione interna per violazione dello Statuto e/o del Regolamento interno.
  5. L’Associazione in virtu’ del Riconoscimento conferito dal MISE (ai sensi dell’art.4, art.7 e art.8 della legge 14 gennaio 2013, n.4) istituisce al proprio interno un doppio registro, Soci e Soci Qualificati, dandone evidenza sul sito dell’Associazione e presso gli organi di stampa secondo modalita’ che verranno successivamente definite in sede di Consiglio Direttivo. Ogni iscritto sara’ identificato con un codice alfanumerico (XXXX/anno di qualificazione/SQ per il livello più avanzato ovvero XXXX/S per quelli base, dove XXXX corrisponde al numero di iscrizione in EVU Europa) che potra’ essere usato su carta intestata solo se in associazione con il nome ASAIS-EVU Italia. I timbri personalizzati degli iscritti saranno modificati aggiungendo lo status. Quale ulteriore evidenza verra’ rilasciato un attestato recante la data di conseguimento della Qualificazione e la data di scadenza per il rinnovo che e’ sottoposto a verifica interna.
  6. L’associazione istituisce inoltre al proprio interno un registro per gli Osservatori, dandone evidenza sul sito dell’Associazione e presso gli organi di stampa secondo modalita’ che verranno successivamente definite in sede di Consiglio Direttivo. Ogni iscritto sara’ identificato con un codice alfanumerico progressivo (YYY/anno iscrizione/O, dove con YYY corrisponde ad un numero progressivo interno).
  7. Una volta avviato il processo di Qualificazione interna tutti gli iscritti saranno classificati secondo il seguente nuovo schema:
    1. Socio Qualificato (SQ)
    2. Socio Ordinario (S)
    3. Osservatore (O)

Art. 2
Registri interni dei professionisti qualificati: livelli e differenziazioni per l’accrescimento professionale

  1. Registro Osservatori: secondo schema del regolamento.
  2. Registro Soci ordinari: secondo schema del regolamento.
  3. Registro Soci Qualificati: Soci ordinari che hanno superato la prova di Qualificazione interna e sono iscritti all’Associazione da minimo 3 anni, anche se non continuativi nell’arco degli ultimi 5 anni.

 Art. 3
Requisiti per accedere ai Registri interni dei Qualificati: orizzonti temporali e regolamenti di categoria

  1. Iscrizione come Socio Ordinario da 3 anni con rinnovo gia’ avvenuto al quarto anche se non continuativi nell’arco degli ultimi 5 anni.
  2. In regola con il versamento di tutte le quote di iscrizione.
  3. In regola con i CFP dell’Associazione ASAIS-EVU Italia.
  4. Assenza di provvedimenti disciplinari per violazione dello Statuto o del Regolamento.
  5. Assenza di sentenze di condanna per falso in perizia ovvero falsa testimonianza.
  6. Versamento della quota per le spese dell’istruttoria da definire e comunicare sul sito dell’Associazione da parte del Consiglio Direttivo.

 Art. 4
Commissione di valutazione interna: composizione, criteri di assegnazione, incompatibilità, ricusazione

  1. Si compone di un Presidente fisso, di un membro esaminatore a rotazione, di un membro osservatore fisso.

Presidente della Commissione di Valutazione:

figura autorevole anche esterna all’Associazione votata a maggioranza in un’apposita riunione del Consiglio Direttivo, su proposta del Presidente dell’Associazione che si confronta allo scopo con i Consiglieri. La carica e’ di tipo onorario e ha validita’ di tre anni, rinnovabile secondo le medesime modalità tenendo conto anche dei risultati conseguiti. Il Presidente dell’Associazione, in caso di accertate violazioni al regolamento e non uniformità di valutazione, ha facolta’ di proporre al Consiglio la sospensione dei lavori della Commissione ed eventualmente la sospensione e/o sostituzione del Presidente da approvarsi a maggioranza nella misura di due terzi. Il Presidente della Commissione di Valutazione viene prescelto e proposto in base ai criteri individuati nel successivo paragrafo dedicato ai meriti speciali per l’assegnazione della Qualificazione Honoris Causa.

Membri esaminatori della Commissione (a rotazione) nominati dal Consiglio Direttivo:  

  1. Componente del Consiglio Direttivo di area Nord Italia.
  2. Componente del Consiglio Direttivo di area Centro Italia.
  3. Componente del Consiglio Direttivo di area Sud Italia.
  4. Componente “supplente” comunque iscritto in caso di necessità e senza criterio geografico.

I membri esaminatori non devono avere conflitti di scopo con l’Associazione ed economici quali, a titolo di esempio, quelli commerciali.

Eventuali condizioni particolari:

  • nel caso in cui non vi fosse un componente del Consiglio Direttivo di area geografica diversa da quella da cui proviene il candidato verra’ individuato dal Consiglio Direttivo un componente ad hoc. Questo sara’ comunque iscritto all’Associazione e verra’ scelto secondo criterio di imparzialita’ e secondo i dettami del presente regolamento;
  • nel caso di domanda di Qualificazione avanzata da un componente del Consiglio Direttivo, verra’ chiamato come membro della Commissione il componente supplente che non e’ parte del Consiglio Direttivo.

Membro osservatore fisso della Commissione:

Segretario dell’Associazione con facolta’ di delega e con la funzione di aggiornamento dei nominativi nei due registri nonche’ per le comunicazioni inerenti il percorso di Qualificazione da/per il candidato. E’ il referente per quesiti da sottoporre alla Commissione e riporta al Presidente dell’Associazione le ricusazioni dei membri esaminatori pervenute.

  1. La Commissione di valutazione interna sara’ automaticamente composta dal Presidente e da uno dei membri valutatori secondo il criterio dell’area geografica opposta a quella di appartenenza del candidato. Il Segretario dell’Associazione ricopre anche il ruolo di uditore e riporta al Presidente dell’Associazione circa l’attuazione uniforme del presente regolamento. Quale esempio, un candidato con attivita’ professionale preponderante nel Sud Italia sara’ valutato dal membro valutatore dell’area Nord Italia e in alternativa da quello Centro Italia. Non potra’ essere valutato dal membro esaminatore della stessa area di riferimento.

Art. 5
Percorso di Qualificazione: documentazione e prova finale

  1. Prevede i seguenti passaggi cronologici e procedurali:
  2. Compilazione a cura del candidato di una scheda sinottica recante le seguenti informazioni (incorre in violazione del codice deontologico e sospensione in caso di informazioni mendaci):
  • Nominativo;
  • Data di iscrizione all’Associazione (a ritroso indicare quella di EVU Italia ovvero ASAIS);
  • Dichiarazione di regolarità ai CFP dell’Associazione ASAIS-EVU Italia;
  • Dichiarazione di sottoscrizione di una polizza di assicurazione professionale con indicazione degli estremi;
  • Dichiarazione dell’area lavorativa di riferimento prevalente tra Nord Italia, Centro Italia, Sud Italia per consentire l’assegnazione del membro esaminatore della Commissione. Si può anche indicare una seconda area a minore prevalenza lavorativa;
  • Indicazione se l’attività professionale RIS e’ di tipo esclusivo ovvero svolta unitamente ad altra attività;
  • Dichiarazione di non avere subito condanne per falso in perizia o falsa testimonianza;
  • Accettazione della costituenda Commissione secondo il criterio geografico ovvero precisazione dei motivi di ricusazione di un membro esaminatore di area geografica diversa da quella di proprio riferimento;
  • Accettazione che in caso di provvedimento disciplinare ed estromissione – anche volontaria per mancato pagamento di quote associative – dall’elenco degli iscritti di ASAIS-EVU Italia la qualificazione perde di efficacia con decadenza automatica del numero identificativo e del timbro assegnato;
  • Breve sintesi secondo il modello prestampato contenuto nella scheda dei tre lavori prescelti da inviare alla Commissione di valutazione e delle eventuali pubblicazioni scientifiche;
  • Domicilio lavorativo.
  1. Invio da parte del candidato alla Segreteria dell’Associazione di:
  • Scheda di presentazione e dichiarazioni di cui al punto precedente;
  • Curriculum Vite in formato europeo;
  • Tre lavori a scelta a ritroso su tre anni che evidenzino il percorso metodologico (tecnico e logico con approccio interdisciplinare) seguito nello specifico con esplicitazione dei calcoli cinematici e dinamici oltre che dei criteri di scelta dei parametri (bibliografia di riferimento). I lavori dovranno coprire l’intero arco temporale dei tre anni a ritroso a partire dalla data di presentazione della domanda. Il candidato esplicitera’ le ragioni che lo inducono a ritenere a suo giudizio particolarmente significativi i lavori scelti e che meglio lo possano rappresentare in sede di valutazione finale della Commissione;
  • Attestazione del bonifico/ricevuta del versamento per l’apertura della pratica di qualificazione.
  • La Segreteria invia la candidatura e il materiale pervenuto al membro esaminatore e al Presidente.
  1. Il Presidente e il membro esaminatore eseguono un’analisi preliminare dei requisiti del candidato con possibilità di richiedere chiarimenti ovvero implementazioni. Le comunicazioni con il candidato avranno luogo per mezzo del membro esaminatore della Commissione;
  2. Comunicazione da parte di uno dei membri della Commissione della proposta di data inerente la prova da tenersi in videoconferenza ovvero in presenza.
  3. La prova consiste nel colloquio con il Presidente della Commissione, il membro esaminatore e il segretario uditore. Il colloquio sarà finalizzato alla verifica dei requisiti e delle competenze necessari per l’espletamento di una Consulenza Tecnica o di un Perizia in materia di RIS. Domande e quesiti saranno proposti dal Presidente e dal membro esaminatore prendendo spunto dai lavori sottoposti in valutazione dal candidato.
  • I casi di ricusazione saranno valutati a parte dal Consiglio Direttivo dando priorità alle candidature prive di eccezioni.

Art. 6
Risultati del processo di qualificazione

  1. Il Presidente e tutti i membri della Commissione esaminatrice svolgeranno una riunione in videoconferenza per l’esame delle valutazioni. Sara’ seguito un criterio uniforme per tutte le aree geografiche di provenienza dei candidati.

I risultati potranno essere i seguenti:

  1. Qualificazione conferita.
  2. Qualificazione rimandata.
  1. Non sono previsti punteggi e tutto l’iter della qualificazione interna deve intendersi secondo il criterio per “attributi”.
  • Il Segretario dell’Associazione comunica al candidato il risultato e aggiorna gli archivi con cadenza trimestrale/quadrimestrale.
  1. Il candidato che avra’ conseguito la qualificazione riceverà un attestato da stampare ed esibire oltre al timbro personalizzato e aggiornato allo status.
  2. In caso di qualifica ottenuta a ridosso di un Congresso Nazionale dell’Associazione il Presidente consegnerà gli attestati personalmente con apposita cerimonia.
  3. Il candidato che non avra’ superato la prova riceverà dalla Commissione di valutazione ovvero dal Segretario dell’Associazione una breve descrizione delle motivazioni e potra’ ripetere l’iter. Saranno fornite indicazioni mirate a colmare la specifica criticita’ emersa.

Art. 7
Aspetti correlati al mantenimento e conferma della qualificazione

  1. L’iscritto qualificato, nel rispetto del codice deontologico e del Regolamento dell’Associazione, può dare notizia a terzi del risultato ottenuto ed e’ sottoposto alla verifica per la conferma trascorsi tre anni dalla data di emissione dell’attestato.
  2. La conferma della Qualificazione avra’ luogo attraverso un colloquio con la Commissione.
  3. Un provvedimento disciplinare e la cancellazione, anche autonoma, dell’iscrizione dall’Associazione ASAIS-EVU Italia comporta la immediata rimozione della Qualifica conseguita.
  4. Una eventuale nuova iscrizione non può comportare il ripristino e pertanto e’ necessario seguire un nuovo iter procedurale secondo il presente schema.

Art. 8
Esoneri alla verifica e inserimento nel registro Qualificati per meriti speciali (Honoris Causa)

  1. L’Associazione prevede di poter inserire nel registro degli Analisti Tecnici Ricostruttori Qualificati figure autorevoli del settore RIS che si siano distinti per le loro ricerche e pubblicazioni. Si tratta di soggetti che si ritiene possano elevare il grado di competenza degli iscritti all’Associazione. I requisiti richiesti perche’ il Consiglio Direttivo, su proposta del Presidente, possa approvare a maggioranza di due terzi l’iscrizione nel registro dei Qualificati del candidato prescelto sono:
    1. Specchiata e riconosciuta moralita’.
    2. Una o piu’ pubblicazioni scientifiche ovvero autore di testi e/o monografie inerenti lo specifico settore della Ricostruzione degli Incidenti Stradali.
    3. Relatore in almeno un convegno dedicato alla RIS ovvero docenza in corsi qualificati.
    4. Attività di Tecnico Ricostruttore in corso ed esercitata da almeno 20 anni.
    5. Iscrizione all’Associazione in qualità di Socio ordinario ovvero Socio onorario.
    6. Età minima di 50 anni.
  2. Il candidato approvato dalla maggioranza di due terzi del Consiglio Direttivo viene inserito nello specifico registro con la dicitura XXXX/anno iscrizione/QHC dove le prime sigle indicano il numero di iscrizione seguite dall’anno di riferimento. Le tre ultime indicano “Qualificato Honoris Causa”. La Qualifica viene rinnovata automaticamente dopo i tre anni previsti verificando che non siano intervenuti provvedimenti di condanna, violazione allo Statuto e/o al Regolamento dell’Associazione, provvedimenti del Consiglio Direttivo, costanza dell’attività nel settore RIS.
  3. Il Presidente della Commissione di valutazione e’ insignito dal Presidente di ASAIS-EVU Italia della Qualificazione Honoris Causa. L’attestato viene sottoscritto dal Presidente dell’Associazione e dai due Vice Presidenti. All’atto della consegna del riconoscimento il Presidente della Commissione di Valutazione puo’ iniziare a svolgere ufficialmente il proprio ruolo con scadenza fissata ai tre anni dall’emissione.
  4. I soggetti insigniti della Qualificazione Honoris Causa ricevono l’attestato firmato dal Presidente ASAIS-EVU Italia e dal Presidente della Commissione di Valutazione entrato in possesso delle sue funzioni.

di seguito i link per scaricare:
Regolamento-qualificazione-professionale-PROT_QUAL_1-1.pdf
allegato 1 ripartizione-territorio-italiano-RIP_TERR_1-1.pdf
allegato 2 Domanda-di-candidatura-qualificazione-DOM_QUAL_1-1.pdf
allegato 4 Diagramma qualificazione DG_1-1.pdf